Archivio    
N.1 luglio 2012 N.2 dicembre 2012 N.3 settembre 2013 N.4 agosto 2014 N.5 dicembre 2014 N.6 luglio 2015
 
N.7 luglio 2016 N.8 dicembre 2016 N.9 luglio 2017 N.10 dicembre 2017
 
  Editoriale  |  Consiglio direttivo Roma: gennaio 2013
Consiglio direttivo Milano: mar. 2013  |  Consiglio direttivo Roma: maggio 2013
Assemblea Ordinaria Roma: gennaio 2013  |  Info - Pro memoria
La Liturgia come espressione di Fede
 
 
 
   
  Mercoledì 29 maggio 2013, presso la sede nazionale dell'UNITALSI in Roma, si è riunito il Consiglio Direttivo del Coordinamento Nazionale Pellegrinaggi Italiani.
Don Luciano ringrazia il presidente UNITALSI, per l'ospitalità del Consiglio Direttivo del CNPI; ribadisce il momento difficile per l'economia italiana che si ripercuote anche sui pellegrinaggi ma, l'elezione di Papa Francesco sta portando, continua don Luciano, una nuova linfa alla Chiesa, c'è molto entusiasmo intorno al nuovo pontefice che usa un linguaggio semplice e si rivolge spesso agli ultimi, ai poveri, ai più bisognosi. Questa nuova vitalità dovrebbe portare un incremento dei pellegrinaggi ed a Lourdes in particolare. Per quanto riguarda Lourdes si fa notare a più voci del Consiglio Direttivo che "l'obbligatorietà" degli auricolari a pagamento per le funzioni esterne sta provocando un po' di malumore tra i direttori di pellegrinaggio per "questa nuova tassa" a carico dei partecipanti.
Don Luciano, dopo questa riflessione invita il segretario verbalizzante Domenico Cotroneo alla lettura del verbale di Milano del 7 marzo u.s., che viene approvato all'unanimità dei presenti a quel Consiglio Direttivo.
Pagliuca in merito alla crisi va fatto una riflessione molto importante sulla catena chiusa degli arrivi e delle partenze, su tutto il mondo dei pellegrinaggi a Lourdes.
Tutti sono concordi nel ribadire che è finito il tempo di piccole organizzazioni autonome, almeno per quanto riguarda il viaggio in treno e soltanto una soluzione che vede più organizzazioni insieme potrà fare continuare tanti pellegrinaggi in treno.
Alcune realtà del sud, già da quest'anno hanno condiviso il treno per poter fare fronte ai costi. Si rileva che i pellegrinaggi italiani a Lourdes sono passati da circa 210 a circa 150! Si è concordi nel dire che è necessario un ricambio generazionale, che moltissimi pellegrini, ammalati e pellegrini che da decenni ci seguono con tanta devozione stanno venendo meno per l'età avanzata, per malattie o morte; questo ci porta a dire che non ci si può più improvvisare come "organizzatori di pellegrinaggi" ma bisogna portare avanti quella "pastorale del pellegrinaggio" di cui tanto abbiamo discusso in questi mesi.
Panizzi prende la parola per ammettere che negli ultimi due anni anche l'aumento dei costi dei treni e degli aerei ha portato a questa diminuzione di numeri a Lourdes; come soluzione potrebbe essere la catena aerea tra organizzazioni e, come già detto, i treni condivisi; necessita ormai una "nuova calendarizzazione delle organizzazioni a Lourdes" per avere posti letto per tutti.
Interviene anche don Sabadini, per illustrare la situazione della Toscana.
Don Luciano ricorda che per l'Assemblea ordinaria di gennaio 2014 la sede è sempre Roma e la data è dal 20 al 22 gennaio 2014.
 
 
Valid XHTML 1.0 Transitional
CSS Valido!